su e giù per le scale del Fiordo – TE

Domenica 13 gennaio 2013

Come si evince dal titolo questa escursione ripercorre petingoli e sentieri di una volta che caratterizzano questa particolare gola naturale della divina costiera che è il Fiordo di Furore.

Il Fiordo rappresentò un porto naturale, nel quale si svolsero fiorenti traffici e si svilupparono le antiche forme di industria: cartiere e mulini alimentati dalle acque del torrente Schiato, che discende dai Monti Lattari. Il nome Furore derivò dalla particolare furia che il mare assunse nei giorni e nelle notti di tempesta e dal fragore dei flutti sulla scogliera e nel Fiordo, con rumori spaventosi e assordanti. Il suo nome originario era “Terra Furoris“.

Si attraverseranno terrazzamenti coltivati a vigneti e oliveti detti “chiazze” che sopravvivono all’abbandono dei luoghi oramai considerati poco comodi da raggiungere, e invasi dalla natura con vegetazione varia, come: agavi, fichi d’india, olivastri, carrubi e molte altre specie della macchia mediterranea.

L’appuntamento solito è al bar “La Siesta” in Sant’Agnello alle ore 8:00.

Si consiglia comunque di indossare scarpe antisdrucciolo, abbigliamento cosiddetto a cipolla (quindi portatevi anche una maglietta di ricambio, saliamo e scendiamo scalini, si suda molto).

La colazione è a sacco e il rientro è previsto nel pomeriggio.

La partecipazione all’escursione è libera priva da ogni forma di imposizione e l’adesione alle escursioni viene data in uno stato di totale coscienza da parte del partecipante. L’associazione e gli organizzatori delle escursioni sono esonerati da qualsiasi tipo di responsabilità in quanto ogni eventuale danno alla persona od a cose occorse nella effettuazione dell’escursione deve intendersi coperta dal consenso dato dal partecipante che ne assume tutta la responsabilità della sua partecipazione e presenza all’escursione naturalistica. L’escursione potrà essere rinviata per motivi legati alle cattive condizioni meteorologiche, previo avviso su questo stesso sito.