Gruppo del Sirino – EE

Domenica 3 giugno 2018

Timpa Scazzariddo (m. 1.930) – M.te Papa (m. 2.005)- Madonna di Sirino (m. 1.907)- EE


Il monte del Papa è la cima più alta del gruppo montuoso del Sirino, compreso nel Parco nazionale dell’Appennino Lucano-Val d’Agri-Lagonegrese. Alto poco più di 2000 metri (2005 per l’esattezza) è facilmente accessibile da più versanti.

Dall’aspetto imponente, ma compatto, il gruppo montuoso è situato a ridosso del mar Tirreno, nella parte sud occidentale della regione Basilicata (comuni di Lauria e Lagonegro), a dominio delle valli solcate dai fiumi Noce, Sinni ed Agri.

Dalle sue vaste e spoglie praterie di vetta, lo sguardo spazia verso il golfo di Policastro, le guglie irte e selvose dei monti La Spina e Zaccana, l’imponente acrocoro del Pollino, il vasto ed immacolato bosco Magnano, i ripidi contrafforti del monte Alpi, il Raparo e le ampie e verdeggianti valli di Diano e dell’Agri.

L’itinerario più semplice, ma non molto interessante in salita, è quello che inizia dal lago Laudemio (lago Remmo sulla carta IGM) e percorre la pista sotto gli impianti di risalita. La zona, a causa della posizione geografica, riceve notevoli precipitazioni e la neve rimane molto a lungo sui pendii settentrionali della montagna. Il lago Laudemio è di origine glaciale (il più meridionale d’Italia). La cima si raggiunge facilmente seguendo la pista fino al termine della seggiovia e nel tratto superiore per un esile sentiero oppure direttamente per la cresta.

Dati tecnici

  • Difficoltà: E (EE con la discesa per la Spalla dell’Imperatrice);
  • Dislivello complessivo: 800 m. circa;
  • Orario complessivo: 6:00/7:00 ore;
  • Sviluppo complessivo: 7,5 Km. circa.

L’appuntamento per i soci della penisola sorrentina è previsto alle ore 7:00 al bar “La Siesta” in Sant’Agnello.

Mentre per coloro che ci vorranno seguire da fuori penisola l’appuntamento è all’area di servizio Salerno Ovest sulla A3 SA-RC alle ore 8:00.

La colazione è a sacco ed il rientro è previsto nel tardo pomeriggio.

Ricordiamo sempre che le nostre escursioni prevedono dei tratti in pendenza e/o con tracciati sterrati, quindi munitevi sempre di scarpe adeguate da escursionismo con suole antisdrucciolo, abbigliamento a strati (con ricambio), altrimenti saremo costretti a farvi rinunciare alla escursione stessa.

Il percorso presenta degli spazi molto aperti con vedute ampie, sconsigliato a coloro che soffrono di vertigini.


I soci e i non soci dovranno prenotare obbligatoriamente inviando una mail entro le ore 12:00 di venerdì 1 giugno su info@ulyxes.it.

I non soci dovranno inviare tutta la documentazione come da regolamento (Qui).


La partecipazione alle escursioni è aperta ai soci ed, eccezionalmente, anche ai non soci e simpatizzanti. La copertura assicurativa, in caso di infortunio riguarda SOLO i soci in regola con il versamento della quota sociale. Le escursioni ULYXES, coerentemente con la loro natura, pongono i partecipanti di fronte ai rischi ed ai pericoli inerenti la pratica dell’escursionismo in montagna. I partecipanti, pertanto, iscrivendosi alle escursioni giornaliere accettano tali rischi e sollevano l’associazione ULYXES, gli organizzatori e i collaboratori delle predette escursioni da qualsiasi tipo di responsabilità per incidenti ed infortuni che si dovessero verificare durante l’escursione. L’escursione potrà essere rinviata per motivi legati alle cattive condizioni meteorologiche, previo avviso su questo stesso sito.

Monte Sirino e Monte Papa – EE

Domenica 22 maggio 2016

 

Monte Sirino (m.1907) e Monte Papa (m.2005)


Il monte del Papa è la cima più alta del gruppo montuoso del Sirino, compreso nel Parco nazionale dell’Appennino Lucano-Val d’Agri-Lagonegrese. Alto poco più di 2000 metri (2005 per l’esattezza) è facilmente accessibile da più versanti.

Dall’aspetto imponente, ma compatto, il gruppo montuoso è situato a ridosso del mar Tirreno, nella parte sud occidentale della regione Basilicata (comuni di Lauria e Lagonegro), a dominio delle valli solcate dai fiumi Noce, Sinni ed Agri.

Dalle sue vaste e spoglie praterie di vetta, lo sguardo spazia verso il golfo di Policastro, le guglie irte e selvose dei monti La Spina e Zaccana, l’imponente acrocoro del Pollino, il vasto ed immacolato bosco Magnano, i ripidi contrafforti del monte Alpi, il Raparo e le ampie e verdeggianti valli di Diano e dell’Agri.

L’itinerario più semplice, ma non molto interessante in salita, è quello che inizia dal lago Laudemio (lago Remmo sulla carta IGM) e percorre la pista sotto gli impianti di risalita. La zona, a causa della posizione geografica, riceve notevoli precipitazioni e la neve rimane molto a lungo sui pendii settentrionali della montagna. Il lago Laudemio è di origine glaciale (il più meridionale d’Italia). La cima si raggiunge facilmente seguendo la pista fino al termine della seggiovia e nel tratto superiore per un esile sentiero oppure direttamente per la cresta.

Dati tecnici

  • Difficoltà: E (EE con la discesa per la Spalla dell’Imperatrice);
  • Dislivello complessivo: 500 m. circa;
  • Orario complessivo: 5:00/6:00 ore;
  • Sviluppo complessivo: 5,5 Km. circa.


 

L’appuntamento è alle ore 7:00 al bar “La Siesta” in Sant’Agnello, per chi si aggiunge da fuori penisola, l’appuntamento è a Cmare di Stabia (nei pressi dell’ospedale) alle ore 7:30.

La colazione sarà a sacco e il rientro in serata.

Ricordiamo sempre che le nostre escursioni prevedono dei tratti in pendenza e/o con tracciati sterrati, quindi munitevi sempre di scarpe adeguate da escursionismo con suole antisdrucciolo altrimenti saremo costretti a farvi rinunciare alla escursione stessa.


La partecipazione alle escursioni è aperta ai soci ed, eccezionalmente, anche ai non soci e simpatizzanti. La copertura assicurativa, in caso di infortunio riguarda SOLO i soci in regola con il versamento della quota sociale. Le escursioni ULYXES, coerentemente con la loro natura, pongono i partecipanti di fronte ai rischi ed ai pericoli inerenti la pratica dell’escursionismo in montagna. I partecipanti, pertanto, iscrivendosi alle escursioni giornaliere accettano tali rischi e sollevano l’associazione ULYXES, gli organizzatori e i collaboratori delle predette escursioni da qualsiasi tipo di responsabilità per incidenti ed infortuni che si dovessero verificare durante l’escursione. L’escursione potrà essere rinviata per motivi legati alle cattive condizioni meteorologiche, previo avviso su questo stesso sito.

 

Ciaspolata sul Cervati – EE

Sabato 15 e Domenica 16 marzo 2014

Ciaspolata sul Monte Cervati.

Il massiccio del Cervati (in comune con il territorio di Sanza) è il monte più alto della Campania con i suoi 1.899 mt.
La natura geologica del massiccio mostra la morfologia caratteristica di un ambiente carsico, con inghiottitoi, sorgenti freschissime e corsi d’acqua temporanei.

Il massiccio mostra le sue pareti a strapiombo, incise da profondi canaloni e numerosi torrioni e guglie, spettacolari e caratteristiche, proprio dal versante di Piaggine, con ai piedi i boschi misti e le faggete che si aprono di tanto in tanto in radure ricche di vegetazione e verdissime (o bianchissime in inverno).
Ovunque regnano la pace ed il silenzio nella natura incontaminata, rotti solo dallo scampanio degli armenti.

Sulla cima del Cervati vi sono una cappella ed una grotta dedicate alla Madonna della Neve.
Dal balcone naturale prospicente la grotta della Madonna della Neve, è possibile gettare lo sguardo a strapiombo sui boschi, osservando il volo degli uccelli e ascoltandone i versi, oppure lontano verso il Motola e la valle di Piaggine.

come si affronta una ciaspolata:

Equipaggiamento

L’attrezzatura personale per la neve (sci o ciaspole) è vivamente consigliata, essendo il noleggio limitato a poche unità.

Per le scarpe sono indispensabili gli scarponi da trekking, con suola tecnica e ben saldi alla caviglia, onde evitare accidentali distorsioni e scivoloni a causa di pietre che in talune zone potrebbero affiorare dalla neve, soprattutto al campo base, di quota più bassa.

Nelle escursioni, con sci o ciaspole, si consiglia un abbigliamento a strati, che consenta cioè di spogliarsi o coprirsi in modo graduale.

Un’utile lista per ricordarsi ciò che è consigliabile portare con sé nelle escursioni

  1. Un ricambio completo(da lasciare al campo base), indispensabili comunque calze e scarpe per non restare bagnati fino al ritorno in paese
  2. Zaino (o contenitore “a spalla” impermeabile)
  3. Giacca a vento impermeabile
  4. K-way con cappuccio
  5. Pile e/o windstopper
  6. Cappello
  7. Occhiali da sole
  8. Guanti (importanti!)
  9. Borraccia
  10. Sacco a pelo
  11. Macchina fotografica
  12. Documento di riconoscimento
  13. Un sacchetto portarifiuti

Utili dotazioni di sicurezza possono essere

  1. Torcia con pile cariche e pile di ricambio
  2. Coltellino
  3. Accendino
  4. Cellulare
  5. Fischietto (il cellulare non prende dovunque!)

Si rammenta che:

    • In montagna è assolutamente vietato l’uso di saponi e detergenti vari che provocano inquinamento delle acque.
    • Sarebbe ecologicamente preferibile portare con sé posate e bicchiere personali (da lasciare al campo base), riutilizzabili e in materiale antiurto, onde collaborare con l’Associazione ospitante per ridurre al minimo l’utilizzo di monouso non biodegradabili.
    • Se smarrite la strada è decisamente consigliabile ritornare sui propri passi
    • In montagna si va per rilassarsi e divertirsi, non per rischiare, né per stabilire dei record
    • Non abbandonare i sentieri e le strade descritte. Se siete curiosi, chiedete a qualcuno del posto di accompagnarvi

Infine, pur auspicando che si coltivi un’allegra aria di festa, tra risate e chiacchiere con i buoni amici e il buon vino, durante le escursioni ricordate, ogni tanto, che una montagna innevata offre un silenzio non altrimenti percepibile nella vita di tutti i giorni. È sufficiente qualche minuto per riuscire ad ascoltarlo.

._._._._._._._._._._._._.

Il programma prevede la partenza sabato subito dopo pranzo, raggiunta Piaggine, ridente paesino del Parco Nazionale del Cilento, verremo accompagnati da motoslitte al rifugio (quota s.l.m.1597), qui ceneremo e pernotteremo e domenica mattina ci inerpicheremo con le ciaspole sulla cima del Cervati.

La quota di partecipazione (cena, colazione, e transfer al rifugio) è di euro 25,00, con aggiunta di un’offerta a piacere per il noleggio delle ciaspole.

Ricordo che il pranzo per la domenica sarà a sacco (quindi a ns. carico!).

numeri telefonici per info e prenotazioni Sasà 3384203016 – Massimo 3496716377.
Le prenotazioni saranno accettate fino a completamento posti.
La partecipazione alle escursioni è aperta ai soci ed, eccezionalmente, anche ai non soci e simpatizzanti. La copertura assicurativa, in caso di infortunio riguarda SOLO i soci in regola con il versamento della quota sociale. Le escursioni ULYXES, coerentemente con la loro natura, pongono i partecipanti di fronte ai rischi ed ai pericoli inerenti la pratica dell’escursionismo in montagna. I partecipanti, pertanto, iscrivendosi alle escursioni giornaliere accettano tali rischi e sollevano l’associazione ULYXES, gli organizzatori e i collaboratori delle predette escursioni da qualsiasi tipo di responsabilità per incidenti ed infortuni che si dovessero verificare durante l’escursione. L’escursione potrà essere rinviata per motivi legati alle cattive condizioni meteorologiche, previo avviso su questo stesso sito.